Le dem dell'Empire State Building

A settembre sono stata a New York e ho rilasciato il mio indirizzo email in varie occasioni. Una delle attrazioni più belle della città ha cominciato ad inviarmi periodicamente delle dem: l’Empire State Building. E’ interessante come cambi il focus degli americani nella definizione di una newsletter.

empire-survey

The Empire State Building Experience Survey – Share Your Opinions


A distanza di una sola settimana dalla mia visita all’Empire, mi è arrivata questa mail che mi invitava a compilare un questionario online. Non l’ho fatto subito, oggi me ne sono ricordata e ho deciso di compilarlo.
A mio parere è stato un po’ troppo lungo ed era molto piatto a livello grafico. Tuttavia la thank you page mi ha stupito:
thank you page Empire.PNG
Solitamente, dopo lo sforzo di aver contribuito a rilasciare un feedback su un prodotto, un servizio o, come in questo caso un’esperienza, due sono le strade possibili: arrivederci e grazie o regalino. Nel secondo caso si tratta di buoni sconto, promozioni dedicate, guide/ebook gratuiti e così via. L’Empire ha deciso di regalare… Sè stesso! Tre fotografie del palazzo per abbellire il proprio desktop e ricordarsi di quanto era bello stare lassù.
gift certitificate empire.PNG

Give the Empire State Building Experience


Dopo due settimane dalla mia visita, altra comunicazione, questa volta prettamente commerciale. In pratica, regala un biglietto ad amici e parenti. La dem è strutturata bene: header molto bella, testo breve, call to action in vista (peccato per quel font sottolineato) e collegamenti social nel footer. Sospiro di nostalgia.
alba-empire

Experience The New York City Sunrise


A poco più di un mese dalla visita all’Empire, la mia preferita: header con immagine splendida, testo breve e call to action (per fortuna) chiara e graficamente perfetta. I collegamenti social seguono il copy, non sono più relegati al footer, forse avrei preferito avessero dedicato loro uno spazio apposito.
L’elemento che mi ha colpito di più di queste email, è stato il continuo riferimento alla Experience. Del resto di questo si tratta: un’esperienza irrinunciabile una volta a New York. E mi sento di estendere questa considerazione a tutta la città, un insieme di uniche, meravigliose esperienze urbane.