Lavori extra sul web: Facebook, JobRapido e Twago

Oltre al mio lavoro come Sales Account, sporadicamente mi capita di collaborare con altre agenzie e liberi professionisti per progetti redazionali. Ho sempre cercato collaborazioni extra tramite motori come subito.it, kijiji e così va, ma in questo 2017 tre sono stati gli strumenti che si sono rivelati più profittevoli di altri: Jobrapido, Facebook e Twago. Sono tre portali diversi che in modo differente consentono di entrare in contatto con potenziali lavori extra, Facebook e Jobrapido in maniera gratuita, Twago a pagamento.

Jobrapido

Jobrapido rimane uno degli aggregatori di lavori tra i miei preferiti. E’ molto attento a propormi solo le offerte che riguardano il mio lavoro e le proposte rispettano quasi sempre i filtri da me inseriti per le notifiche. Le newsletter che ricevo sono ben strutturate e mostrano quante nuove offerte, per una data parola chiave, sono effettivamente state inserite nel sito.

Jobrapido.PNG

Modello di newsletter di Jobrapido

Pagine Facebook

Sono iscritta ad un paio di pagine Facebook di copywriting dove, oltre a post pubblicati da professionisti come me ma anche da studenti del settore riguardo le ultime novità del mondo copy, ogni tanto dipendenti di società/agenzie o liberi professionisti chiedono preventivi per articoli, testi, analisi e progetti editoriali in genere. Chiaramente il trucco sta nel contattarli il prima possibile, per questo motivo ho impostato delle notifiche affinchè, per ogni nuovo post, riceva un memorandum dallo stesso social.
Ovviamente la competizione è altissima: il rischio è di dover emergere tra chi propone prezzi spudoratamente bassi o offerte al limite della schiavitù. Devo dire però che da uno di questi gruppi ho avuto grandi soddisfazioni e ho ottenuto un paio di contatti interessanti.

Twago

Nel mondo dei freelancer si sono diffusi comparatori online di annunci dove, per inviare la propria candidatura, è necessario acquistare dei crediti. Ho provato per un po’ Pronto Pro, ma non ho mai ricevuto proposte interessanti o in linea con il mio profilo.
Poi ho scoperto Twago.
Si tratta di una piattaforma molto semplice da usare, dove inizialmente vengono concessi dei crediti gratuiti. Ogni volta che si invia una proposta di preventivo a un fornitore vengono scalati dei crediti (in media 4). L’unica pecca di questo sistema, ma è un aspetto che accomuna tutti i portali di questo tipo, è che, a prescindere dal fatto che il proprio preventivo verrà accettato o meno, i crediti vengono scalati. Fino a quando i crediti sono gratuiti, la tendenza è di non badare molto ai preventivi inviati. Ma nel momento in cui è necessario acquistare dei crediti allora la questione cambia. Ho imparato a inviare i preventivi solo per quei progetti a cui so di poter contribuire alla loro piena riuscita e di cui ho la percezione di avere una possibilità in più. Questa strategia si è rivelata vincente, perchè sono riuscita ad accaparrarmi diversi lavori.

twago

Newsletter di Twago


L’elemento che hanno in comune questi tre strumenti è la possibilità che viene offerta ai freelancer di farsi conoscere. Il trucco per emergere è essere chiari, precisi e competitivi, senza però sottostimare il proprio lavoro, fornendo quindi sempre i dettagli del prodotto che verrà consegnato con una buona dose di flessibilità.
 

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *