L’importanza delle immagini online: originalità e qualità

Ho già scritto a proposito dell’importanza, per i siti web, di utilizzare testi originali non tratti dal repertorio, più o meno creativo, del content editor, ma una parola vorrei spenderla anche per le immagini. Per i siti che non hanno a disposizione foto realizzate in maniera professionale, possono presentarsi due casi: assenza di immagini, con conseguente reperimento di materiale di repertorio (a scopo puramente estetico) o presenza di immagini amatoriali (spesso di qualità scarsa).
Immagini di repertorio. In mancanza di immagini professionali o quantomeno di immagini di qualità medio – alta, molti clienti preferiscono utilizzare immagini tratte dal repertorio di quelle acquistate dall’agenzia web o dall’editor stesso (oppure addirittura quelle libere da copyright disponibili online). Chiaramente, in questo caso, l’immagine ha il mero scopo estetico di abbellire un sito, di conseguenza non ha alcuna funzione esplicativa. Certo, immagini di questo tipo possono esercitare un grande fascino agli occhi dell’utente, ma di fatto non comunicano nulla dell’azienda, se non il legame con determinati canoni estetici.
Immagini amatoriali. Va benissimo procurarsi da sè le immagini dei propri prodotti, servizi e addirittura foto del team di dipendenti (sono favorevolissima alle foto di gruppo di questo tipo!) ma che almeno siano visibili decentemente su uno schermo da pc. Mi è capitato di dover inserire su nuovi siti immagini di piatti da ristorante così sfocate da essere irriconoscibili (e si trattava di immagini già presenti sul sito precedente, per cui circolanti da tempo). Piuttosto che mostrare un risotto che sembra la scena di un crimine, sono del parere che sia meglio utilizzare immagini di repertorio.
La conclusione? La strada ideale è quella che si trova in centro: immagini esplicative, che ritraggono davvero i prodotti e i dipendenti dell’azienda, ma che siano di alta qualità, che non vuol dire per forza pagare per un servizio professionale (per carità, se possibile questa è sicuramente la strada migliore): basterebbe chiedere il favore ad un amico appassionato di fotografia e il gioco è fatto.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *